Come valorizzare il tuo prodotto con la Realtà Aumentata

Come valorizzare il tuo prodotto con la Realtà Aumentata

Ti domandi come puoi essere più incisivo con i tuoi potenziali clienti nel momento in cui sono pronti all’acquisto? Come valorizzare il tuo prodotto in modo che lo scelgano al posto di quello dei tuoi concorrenti? La realtà aumentata ti può aiutare in questo, vediamo come e con quali vantaggi.

I vantaggi della realtà aumentata nella fase di acquisto

Abbiamo visto nell’articolo Realtà Aumentata e vendite cos’è la realtà aumentata e quali sono i vantaggi che offre nella fase di pre-acquisto in termini di acquisto consapevole, creazione di un brand memorabile e valorizzazione del prodotto.

Questa fase può avere delle similitudini con la fase di acquisto ma in quest’ultimo caso è più che mai importante dare informazioni utili e farlo in maniera rapida per aiutare il potenziale cliente a finalizzare il suo acquisto offrendo dei vantaggi a lui e all’azienda.

– Facilitazione dell’acquisto. Per finalizzare la sua intenzione il cliente può avere bisogno di informazioni aggiuntive sul prodotto: il suo aspetto, la sua disponibilità, sue recensioni, offerte speciali disponibili, come localizzarlo sia che si trovi in una strada che all’interno di un negozio.

Migliore servizio e maggiore soddisfazione del cliente. In piena autonomia, senza l’aiuto di un assistente alla vendita, il cliente può ottenere informazioni esaustive, corrette e coerenti con la comunicazione aziendale, che lo agevoleranno nello scegliere il prodotto migliore per lui, quello più vicino alle sue aspettative.

Benefit estesi per l’azienda. Grazie al raggiungimento di una maggiore soddisfazione del cliente, l’azienda può diminuire i suoi interventi di Customer Service nel post vendita legati a lamentele e resi di merce.

Come è possibile ottenere tutto questo? Oltre alle etichette intelligenti sono molto utili le installazioni all’interno del punto vendita: totem o altre soluzioni audiovisive o camerini virtuali. Questi strumenti risultano molto efficaci nell’informare in maniera esaustiva e professionale, coinvolgendo con un approccio innovativo e dando dei benefit aggiuntivi. Vediamo delle modalità di applicazione con esempi specifici per la fase di acquisto.

 

Gli strumenti offerti dalla realtà aumentata nella fase di acquisto

– Simulazione virtuale di un oggetto in store, ovvero provare un oggetto grazie alla realtà aumentata all’interno del negozio. Questo scenario può valere per oggetti, scarpe, abbigliamento, trucchi e accessori

The Bourjois x Holition x Perch Blended Reality Magic Mirror is Live! from Holition on Vimeo.

Vi rientrano tutte le esperienze di camerino virtuale: nel punto vendita è presente un monitor nel quale l’utente si può vedere e ha la possibilità di interagire con la propria immagine. Può indossare la riproduzione virtuale di capi d’abbigliamento, scarpe o accessori cambiandone le caratteristiche, accedere a informazioni come prezzo, tipologia di tessuto, personalizzazioni, disponibilità in modo semplice e veloce e può condividere la propria esperienza attraverso i social network.

– Contenuti multimediali che amplificano le informazioni sul prodotto: attraverso tablet o totem presenti nel punto vendita l’utente può visionare il prodotto o sue varianti, accedere a specifiche tecniche, suggerire prodotti collegati (es: completa il tuo outfit con maglietta/pantalone/borsa, ecc.). Molto interessante è la possibilità di scegliere da un menù visionando le pietanze senza l’aiuto di un cameriere che le spieghi, utilissima nel caso di cibi non familiari all’utente

I contenuti multimediali aggiuntivi sono un asso nella manica per la vendita di prodotti più tecnici, come possono essere oggetti tecnologici, strumenti professionali o abbigliamento sportivo avanzato. Le installazioni nel punto vendita non sono certo un sostituto dell’addetto in persona, ma favoriscono un acquisto consapevole e informato.

– Contenuti geolocalizzati. Questi contenuti, legati alla posizione geografica dell’utente, possono essere mappe online che la persona consulta sul proprio smartphone, per esempio per trovare un prodotto tra le corsie e gli scaffali del negozio in cui si trova, oppure offerte commerciali attive nello stesso punto vendita o in quelli dell’area in cui la persona si trova.

 

 

Conclusione

Con la realtà aumentata hai quindi la possibilità di facilitare la fase d’acquisto dei tuoi clienti trasformandola in un’esperienza unica e coinvolgente, attraverso la quale puoi distinguerti dai concorrenti e valorizzare non solo il tuo prodotto ma anche la tua azienda. Non sono situazioni futuristiche, ma realtà concreta già applicata anche nel nostro Paese. Quali sono i risultati possibili? Maggiori vendite, migliore servizio ai clienti, maggiore fidelizzazione della clientela, passaparola da parte dei clienti stessi attraverso i loro canali social, reputazione di azienda innovativa.

Post recenti