Samsung Galaxy Fold e la nuova generazione di smartphone pieghevoli

Samsung Galaxy Fold e la nuova generazione di smartphone pieghevoli

Da quando Steve Jobs ha lanciato il primo iPhone nel 2007, gli smartphone non hanno avuto significative evoluzioni fino ad oggi. Infatti, si intravede l’inizio di una nuova era, quella dei telefoni pieghevoli. Ma l’utilizzo sarà diverso? E sono già disponibili in commercio?

Samsung Galaxy Fold

Questo cellulare pieghevole è l’ultima creazione del colosso coreano e l’unico ad oggi pronto per il mercato. Sarà infatti disponibile per gli acquirenti europei a partire dal 3 maggio e avrà un prezzo di circa 2.000 euro. Le innovazioni tecnologiche che hanno permesso questo nuovo modello pieghevole riguardano soprattutto l’invenzione di uno schermo a polimeri di spessore dimezzato rispetto ai tradizionali smartphone. Materiale che permette grande flessibilità e che a dire della casa produttrice è molto resistente. Ma quali sono le caratteristiche funzionali che lo differenziano da un normale smartphone?

Caratteristiche e vantaggi dello schermo pieghevole

Il modello di Samsung si presenta, chiuso, come un normale cellulare, rettangolare e con uno schermo da 4,6 pollici. Si apre a libro, mostrando un ampio schermo da 7,3 pollici. Praticamente un cellulare che diventa un tablet portatile, con i vantaggi di entrambi i dispositivi, dotato di un’interfaccia software ottimizzata in collaborazione con Google.

Sono molti gli accorgimenti che lo rendono un prodotto molto spinto nella differenziazione e innovazione: sblocco tramite scansione dell’impronta digitale, 6 fotocamere, altoparlanti stereo AKG, compatibilità con le reti 5G, 12 GB di memoria RAM e processore di nuova generazione per garantire velocità nelle prestazioni.

Sul display da 7,3 pollici la visione di foto e video non ha pari rispetto ai tradizionali smartphone e permette di digitare agevolmente sulla tastiera virtuale.

Ma è grazie a ciò che Samsung chiama “App continuity”, che si hanno le prestazioni più innovative. Infatti, si può passare dalla visualizzazione dello stesso contenuto dallo schermo piccolo a quello grande interno e viceversa in modo fluido e immediato.

Inoltre, sul display interno si possono aprire fino a 3 app contemporaneamente. Questo significa che è possibile lavorare su tre fronti separati favorendo il multitasking. Sarà così possibile guardare un video, partecipare a una video call e fare una ricerca su Google allo stesso tempo. Sono già circa 3.500 le app ad oggi ottimizzate per il Galaxy Fold e molte altre sono in arrivo grazie a modifiche al sistema Android su cui Samsung sta lavorando con Google.

Il futuro degli smartphone

Nonostante altri brand stiano facendo ricerca nello stesso campo, le soluzioni non sembrano così convincenti. Il Mate X di Huawei, ancora in fase di prototipo, si apre a libro ma lo schermo si piega verso l’esterno, creando dei possibili problemi per quanto riguarda graffi, urti, ecc. Inoltre, quando è piegato, solo lo schermo frontale rimane acceso e col tempo potrebbero notarsi delle differenze tra le due metà del display dovute al fatto che una rimane accesa molte più ore dell’altra.

Anche altri brand stanno facendo ricerca, perché l’esperienza d’uso data da questi dispositivi è migliore rispetto a quella attuale. Perciò, quando la tecnologia sarà sufficientemente matura e il prezzo più accessibile, la nuova generazione di smartphone potrebbe sostituire definitivamente quella attuale.

Leave a Comment